Diario del sottosuolo - Home Page

Registrazione  
domenica 16 dicembre 2018
INDICE ARTICOLI   Riduci

Articoli ordinati per ultimo inserito
Premere qui sotto per estendere la tendina


Cliccando sul Titolo di ogni articolo lo si potrà visualizzare singolarmente: in fondo ad essi sarà presente il pulsante Stampa che aprirà l'articolo in una nuova finestra pronto per essere stampato.

Archivio Blog Mensile Riduci
Archivio
<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Archivio mensile
settembre 2009

REGISTRATI E ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!


Riduci Diario del Sottosuolo

Portale dedicato a tutti i cercatori che necessitano di un pò di materiale per formarsi e nutrirsi... una specie di compendio di ricerca personale condiviso

Questo è il luogo in cui prorompe la voce di un’anima assetata di verità che vive la propria affannosa ricerca nel “sottosuolo” di se stessa, scavando attraverso l’enigma dell’esistenza, l’infinito della conoscenza, l’irraggiungibile bellezza dell’arte e i tortuosi meandri della società, con la brama di riportare alla luce autentici tesori depositari di verità dimenticate. Riflessioni, intuizioni, confessioni dal profondo rimaste inespresse ...

Autore: Stefano Andreoli - Diario del sottosuolo Creato: 18/09/2009
Prefazione...

Da Stefano Andreoli - Diario del sottosuolo il 18/09/2009

La verità è simile a Dio: non si rivela direttamente; dobbiamo indovinarla dalle sue manifestazioni.

 Goethe

 

 Prefazione

 

La vita per me è sempre stata un grande fardello.

Ovunque mi portassero le mie gambe irrequiete o qualsiasi cosa fossi ostinatamente impegnato a fare, un'inquietudine misteriosa accompagnava costantemente i miei giorni, tenace e perentoria come un'ombra. E probabilmente, è la stessa malevola compagna di sempre a guidare la penna che ora la mia mano sta impugnando, quasi come volesse trasformarla in una spada pronta a trafiggerla. Quest'antica presenza infatti, assomiglia ad un malessere costante, come un senso di turbamento generale, un'aspra inquietudine che attanaglia l'animo senza tregua. Ebbene, saper trovare la causa di questo “morbo” o rivelarne qualcosa di più preciso sulla sua radice, non mi è possibile, ma sentirne l'effetto prodotto su me stesso, questo sì, mi è ben noto. E allora come un infante che per la prima volta apre gli occhi, anch'io inizio a osservare con uno sguardo che desideri penetrare il tutto nella sua intima profondità. Una profondità che rispecchi autenticamente la realtà e che possa essere il frutto di una conoscenza genuina che miri alla verità.

Per dare sapore ad un’esistenza intera che altrimenti sarebbe presto divorata avidamente dal tempo, è necessario mantenere la propria “coscienza” sempre vigile. Ognuno possiede una personale porzione di tempo: spetta però solamente a ciascuno se sprecare tale preziosa risorsa dietro a false illusioni che assassinano l'uomo prima del tempo, oppure vivere autenticamente in conformità alla propria natura umana.

Credo sia questo l'importante ammonimento che quotidianamente quello “strano morbo” lancia ad ogni uomo; è una voce che incessantemente grida di stare sempre attenti, perché consapevoli o no, la linea che separa l'angosciante oblio del nulla dalla straordinaria bellezza del vivere, è davvero sottile.

Esiste nell'uomo una verità misteriosa e accuratamente celata che col tempo sembra adombrarsi ininterrottamente, ma nulla possiede più valore che scoprirla e viverla.

  

Theodore il poeta

Da ragazzo, Theodore, sedevi per lunghe ore
sulle rive del torbido Spoon
con gli occhi profondi fissi sulla tana del gambero,
aspettando che apparisse spingendo la testa,
prima le antenne ondeggianti, come fili di fieno,
e poi il corpo, colorato come steatite,
gemmato con occhi di giada.
E ti domandavi, come rapito,
che cosa sapeva, che cosa desiderava, e perché mai vivesse.
Ma più tardi guardasti uomini e donne
nascosti nelle tane del fato fra grandi città,
osservando le loro anime uscire,
in modo da poter vedere
come vivevano, e per che cosa,
e perché strisciassero così affaccendati
sulla distesa di sabbia dove l’acqua vien meno
quando l’estate declina.


Edgar Lee Masters, da “Antologia di Spoon River"

NEWS!   Riduci
Progetti! - domenica 11 settembre 2011

Aggiornata la sezione PROGETTI!

con nuove iniziative inserite...

 maggiori informazioni ...

RISORSE! - domenica 11 settembre 2011

Aggiornata la sezione RISORSE!

Con nuovi spunti inseriti

 maggiori informazioni ...

PERLE! - mercoledì 25 agosto 2010

Aggiornata la sezione Perle...!

con nuove fonti inserite...

 maggiori informazioni ...

TESTIMONIANZE! - mercoledì 18 agosto 2010

Aggiornata la sezione Testimonianze...!

con l'intervista di Marisol, la pittrice e Sebastiano...

 maggiori informazioni ...

NEWSLETTER! - lunedì 12 ottobre 2009
 
Registrandoti (ovviamente è gratis) e iscrivendoti al servizio (da Gestione Servizi) riceverai una notifica ogniqualvolta sarà pubblicato un articolo sul blog.