Diario del sottosuolo - Home Page

Registrazione  
domenica 16 dicembre 2018
INDICE ARTICOLI   Riduci

Articoli ordinati per ultimo inserito
Premere qui sotto per estendere la tendina


Cliccando sul Titolo di ogni articolo lo si potrà visualizzare singolarmente: in fondo ad essi sarà presente il pulsante Stampa che aprirà l'articolo in una nuova finestra pronto per essere stampato.

Archivio Blog Mensile Riduci

REGISTRATI E ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!


Riduci Diario del Sottosuolo

Portale dedicato a tutti i cercatori che necessitano di un pò di materiale per formarsi e nutrirsi... una specie di compendio di ricerca personale condiviso

Questo è il luogo in cui prorompe la voce di un’anima assetata di verità che vive la propria affannosa ricerca nel “sottosuolo” di se stessa, scavando attraverso l’enigma dell’esistenza, l’infinito della conoscenza, l’irraggiungibile bellezza dell’arte e i tortuosi meandri della società, con la brama di riportare alla luce autentici tesori depositari di verità dimenticate. Riflessioni, intuizioni, confessioni dal profondo rimaste inespresse ...

Inviato da: Stefano Andreoli - Diario del sottosuolo
18/09/2009

L’amore come risposta al problema dell'esistenza

 

L’esistenza di per sé rappresenta per l’essere umano una situazione critica: l'uomo infatti col suo intelletto è conscio di sé stesso, della propria individualità, del passato e delle possibilità future. Questa coscienza di se stesso come entità separata, la consapevolezza della propria breve vita, del fatto che è nato senza volerlo e contro la propria volontà morirà; che morirà prima di quelli che ama, che essi potrebbero morire prima di lui, il forte senso di solitudine, l’impotenza di fronte alle forze della natura e della società; tutto ciò renderebbe insopportabile l'esistenza. L’uomo diventerebbe pazzo se non riuscisse a rompere l'isolamento, a unirsi agli altri uomini, a evadere dalla prigione della propria solitudine e raggiungere l'unione.

Le soluzioni a tale problema possono essere tante, e la società odierna ne inventa ogni giorno nuove che però altro non fanno che far smarrire ulteriormente l'uomo. Ma solo attraverso l'amore l'uomo potrà dare vera espressione alla sua natura e cancellare quel senso di separazione col mondo esterno.

Ed è proprio questo immenso bisogno di unione col tutto, quest'enorme paura di isolamento, di trovarsi soli, che spinge l'uomo alle più disperate forme, perlopiù illusorie. Dalle più estreme come le droghe, l'alcolismo e la tossicomania che danno un’esaltazione fittizia facendo scomparire il mondo esterno e creando una sorta di rifugio. Ma inevitabile dire che quando finisce lo stato di ebbrezza l'uomo si sente ancor più solo, ed è spinto conseguentemente a ricorrervi con sempre maggior frequenza e l'intensità.

Più diffuse e comuni sono invece le forme “attuali”, come la ricerca sfrenata dell'orgasmo sessuale e il conformismo di massa. L'orgasmo sessuale può infatti produrre uno stato simile provocato da certe droghe diventando un tentativo disperato di sfuggire l'ansia suscitata dalla separazione; ma il risultato sarà sempre un crescente senso di isolamento, poiché l'atto sessuale, senza amore, non riempie mai il baratro che divide due creature umane, se non in modo assolutamente momentaneo. Stessa cosa vale per il conformismo in cui sempre più le persone tendono a rifugiarsi: ovvero un'unione in cui l'individuo si annulla in una vasta comunità, e il suo scopo è quello di far parte del gregge. Se si è uguali agli altri, sia nelle idee che nei costumi, non si può avere la sensazione di essere diversi, cioè soli.

In una società dove tutti obbediscono agli stessi comandi e tuttavia ognuno si illude di seguire i propri desideri, l'unione mediante il conformismo diventa vano e superficiale. Inoltre strumenti come la routine (atti a garantire tale meccanismo), diventano fortemente insufficienti a placare l'ansia della solitudine. Così come l'unione attraverso il proprio lavoro diventa un fallimento, poiché quando un lavoratore diventa un'appendice della macchina o dell’organizzazione burocratica, cessa di essere un essere umano che usa la sua attività creativa per creare qualcosa che sia il risultato della sua fatica e delle sue capacità..

Sono tutti esempi di unioni fittizie e superficiali atte a risolvere il problema dell'esistenza, in quanto la soluzione completa sta unicamente nella conquista dell'unione nell'amore. Il mancato raggiungimento di questa unione significa follia e distruzione: senza amore infatti l'umanità non sopravvivrebbe un solo giorno.

 

 

“Sono convinto che le mani dell’amore hanno costruito il mondo perché l’anima dell’uomo non possa attingere per una via diversa la pienezza e la grandezza della perfezione…”

 

O.Wilde da il “De Profundis”

 

Tags:
NEWS!   Riduci
Progetti! - domenica 11 settembre 2011

Aggiornata la sezione PROGETTI!

con nuove iniziative inserite...

 maggiori informazioni ...

RISORSE! - domenica 11 settembre 2011

Aggiornata la sezione RISORSE!

Con nuovi spunti inseriti

 maggiori informazioni ...

PERLE! - mercoledì 25 agosto 2010

Aggiornata la sezione Perle...!

con nuove fonti inserite...

 maggiori informazioni ...

TESTIMONIANZE! - mercoledì 18 agosto 2010

Aggiornata la sezione Testimonianze...!

con l'intervista di Marisol, la pittrice e Sebastiano...

 maggiori informazioni ...

NEWSLETTER! - lunedì 12 ottobre 2009
 
Registrandoti (ovviamente è gratis) e iscrivendoti al servizio (da Gestione Servizi) riceverai una notifica ogniqualvolta sarà pubblicato un articolo sul blog.